#CanzoneDelGiorno
Home / #CanzoneDelGiorno / Lo stato sociale – C’eravamo tanto sbagliati

Lo stato sociale – C’eravamo tanto sbagliati

Canzone Del Giorno #239

Canzone Del Giorno #239 – Lo stato sociale – C’eravamo tanto sbagliati

Lo stato sociale

Hola gente!

Oggi torniamo in Italia con un gruppo davvero particolare.
Lo Stato Sociale è forse la band più amata, e allo stesso tempo odiata, in tutta Italia.
Personalmente apprezzo qualche loro lavoro, ma a volte non riesco proprio ad ascoltarli.

La #CanzoneDelGiorno è presente nel loro secondo album: “L’Italia Peggiore“.

Il testo de “C’eravamo tanto sbagliati” è pieno zeppo di frasi ad effetto, slogan e problematiche comuni.
I ragazzi bolognesi vogliono semplicemente liberarsi e mandare a fanculo tutto quello che dà loro fastidio.

Si parla di ciarlatani, egoisti, classici problemi politici e molte altre cose (date un’occhiata al testo qui sotto).

Bon, fatemi sapere cosa ne pensate del quintetto bolognese.
Ciau!

“Fanculo a chi non sbaglia le amicizie
A chi si fida se lo dice la tv
A chi gode solo lui
A chi soffre solo lui
Ma poi non vuole morire solo
A chi crede di conoscerti se ascolta una canzone
A chi per ogni stronzata ti chiede di scrivere una canzone”

Vuoi ascoltare “C’eravamo tanto sbagliati”?
Ecco i link che fanno per te ~

Youtube:

Spotify:

 

Hai deciso di acquistare L’Italia Peggiore  ?
Ecco a te il link giusto ~

 

Acquista su Amazon.it

 

Canzone: C’eravamo tanto sbagliati
Artista: Lo stato sociale
Album: L’Italia peggiore (2014)

 

© Immagini prese da Google Immagini­

About Gianrocco

Ciao! Sono il fondatore del portale musicale canzonedelgiorno.it Sto in fissa con la musica da praticamente 19 anni, bello no?

Articoli Correlati

jazz music

Modern Jazz Quartet – Django

Il Modern Jazz Quartet rappresenta un cambiamento all'interno della musica jazz. In questo articolo vi spieghiamo il perché!

intervista Giorgio Canali

Giorgio Canali e Rossofuoco – Orfani dei Cieli

Durante l' "Umbria Che Spacca" abbiamo avuto l'opportunità di fare una chiacchierata con Giorgio Canali. Scopri l'articolo completo per saperne di più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *